venerdì, Marzo 5, 2021

Spostamento della statua Quintino Sella

Quintino Sella torna al Politecnico di Torino in occasione dei 160 anni dalla sua fondazione, di cui fu un promotore con il nome di Scuola di applicazione degli ingegneri e presso la quale insegnò Mineralogia. La statua dello scienziato e statista biellese, infatti, è stata sistemata davanti l’ingresso dell’Aula Magna, nella sede centrale dell’ateneo in corso Duca a degli Abruzzi. Il monumento, opera dello scultore Cesare Reduzzi, era stato inaugurato dieci anni dopo la sua morte, il 14 marzo 1894, e posizionato nel cortile del Castello del Valentino, prima sede della Scuola di Applicazione per gli Ingegneri. Nel 1932, però, la statua di bronzo venne trasferita in una aiuola poco distante, in Corso Massimo d’Azeglio, dove è rimasta per quasi un secolo.

Il disvelamento della statua di Quintino Sella, che è stato anche ispiratore della banca che ha dato origine all’attuale Gruppo Sella, è avvenuto durante la cerimonia di apertura Festival della Tecnologia, organizzato dal Politecnico in occasione del 160esimo anniversario, con una rassegna di ampio respiro sul rapporto tra tecnologie e società. La statua, infatti, è stata scoperta subito dopo il conferimento della laurea ad honorem al premio Nobel Joseph Stiglitz, che ha dato il via alla manifestazione.

La cerimonia di disvelamento è stata preceduta da una serie di interventi tra cui quello di Angelica Sella, presidente  della Fondazione Sella, che ha ricordato il grande impegno che Quintino Sella ha sempre dedicato al mondo dell’istruzione.

Nel corso della tre giorni, peraltro, il programma prevede anche una riflessione sul tema dell’innovazione tecnologica che sta incidendo e ripensare ogni processo finanziario, spingendo gli operatori ad essere sempre più piattaforme collaborative aperte, con servizi modulari e basati sui dati, facendo leva su tecnologie quali AI, Big Data, DLT, Quantum Computing e nuove piattaforme. Domenica 10 alle 14, infatti, è in programma una tavola rotonda sul tema con Pietro Sella, ceo del Gruppo Sella, Federico Rajola, Direttore CeTIF. Università Cattolica del Sacro Cuore, e David Orban, della Singularity University.

L’operazione di trasferimento della statua di Quintino Sella è stata resa possibile grazie ad un’intesa tra il Comune di Torino, proprietario dell’opera, il Politecnico e la Fondazione Sella, che ha siglato il protocollo d’intesa e tramite la quale è stato finanziato il restauro della statua. L’intero progetto è stato coordinato dalla direzione artistica di Banca Patrimoni Sella & C. in stretta collaborazione con la Soprintendenza dei Beni e delle attività Culturali.

Altri contenuti

Spostamento della statua Quintino Sella

Quintino Sella torna al Politecnico di Torino in occasione dei 160 anni dalla sua fondazione, di cui fu un promotore con il nome di...

Bernulia Caffè

Sogni e segni in un caffè Mostra di Giulia Bernardelli - Bernulia a cura di Daniela Magnetti Via Teofilo Rossi  30 maggio - 13 giugno 2018   In occasione di...

DX PEACE SX – La mostra di Paolo Barichello si sposta nel chiostro del Complesso monumentale di San Francesco in Cuneo

Il chiostro del Complesso Monumentale di San Francesco in Cuneo, dal 10 febbraio al 9 maggio 2021, ospiterà in esposizione due opere di P....

Addio a Christo: Palazzo Bricherasio saluta e celebra il “suo” artista.

Oggi l’arte ha perso uno straordinario interprete. Christo Javacheff, a tutti noto semplicemente come Christo, maggior esponente al mondo della land art, si è...